Oberstdorf im Sommer
Wanderer am Seealpsee / Nebelhorn
Frühling
Gelebte Tradition
Gelebte Tradition
Rind
Rind
Italiano

Fiori per la più bella

A settembre, durante la transumanza, le bestie giovani ritornano nel villaggio: oltre a presentarsi agli occhi degli ospiti come un meraviglioso spettacolo, permette anche di ricordare i giorni nei quali si sono dovute portare le bestie al pascolo alpino per fare in modo che il fieno potesse essere raccolto in valle.

Si spera come sempre che tutte ritornino incolumi - solo allora la mucca più bella può portare al collo la corona di fiori. Si ammirano le bestie completamente rinvigorite dai grassi pascoli alpini e si pensa al trascorrere del tempo. Molte cose sono cambiate, ma la transumanza di Oberstdorf è sempre il rito più antico dell'Algovia superiore e a Schöllang è più vivo che mai. Questa tradizione appartiene infatti al villaggio come le montagne e non da ultimo è una bella festa della quale ci si può rallegrare ogni anno

Vecchie usanze e saghe

Solo ogni 5 anni (la prossima volta nel 2010) è possibile vedere i „Wilden Mändle“. In questa occasione, 13 uomini allontanano con la loro danza gli spiriti maligni della montagna. Possono partecipare solo gli appartenenti alle vecchie famiglie di Oberstdorf ed ognuno deve cercare da solo nel bosco le radici d'abete che vengono usate per l'“Häs“, il costume tradizionale. Poi per mesi ci si esercita sulle figure del ballo tramandate dalla tradizione. Gli uomini si agitano in modo impressionante al suono ricorrente della stessa melodia e battono i piedi fino a far venire la pelle d'oca anche all'ultimo spettatore. Le vecchie saghe rinascono e qualcuno si guarda involontariamente attorno. Che i fantasmi esistano davvero?

Tradizione e quotidianità

Le tradizioni non sono solo presenti nelle numerose feste religiose, come il Klausentreiben nel giorno di San Nicolò, le serate folcloristiche o le feste tradizionali. Forse le più belle sono quelle più tranquille. Nelle leggende che ci si racconta ancora o nella tradizione di dare nomi anche alle case. Nomi che non di rado sostituiscono il cognome dell'abitante. Così non ci si chiede come uno si chiami ma „a quale casa appartiene“. Anche se nel dialetto dell'Allgovia ha un suono tutto diverso. La maggior parte delle usanze proviene dalla natura e viene tramandata in modo naturale. Secondo quello che detta la moda. La si fa parlare, perché le tradizioni non si portano come vestiti ma si custodiscono nel cuore.

Shopping e Chopin

Per tanto tempo Oberstdorf è stata del tutto fuori mano. Ciò che nel passato costituiva uno svantaggio è oggi diventato interessante. Con i suoi hotel di prima classe, Oberstdorf è rimasta al primo posto fra le mete turistiche preferite. Il romanticismo più puro si accompagna ai grandi avvenimenti culturali di rango internazionale. Si ascoltano i concerti di grande qualità dell'estate musicale internazionale e ci si diverte nel teatro rustico. Serate folcloristiche e manifestazioni artistiche, tè danzanti e conferenze scientifiche, concerti termali e clown di strada vengono armonicamente combinati.

Folclore ed atmosfera

E perché no? Dove la natura ha dispensato tanto generosamente le sue molteplici grazie non si dovrebbe essere modesti. Le vetrine dell'artigianato locale sono tanto orgogliosamente presenti quanto quelle di alta moda o di sport. Nei menu sono presenti specialità di selvaggina e "crêpe suzette" armonicamente combinate a carne in gelatina e "spätzli" al formaggio. Porzioni per bambini vengono servite come menù da cinque portate, mentre il dialetto dell'Allgovia si mischia agli idiomi internazionali. E su tutto brilla il sole di Oberstdorf. Ma è appunto questa la „liberalitas Bavariae“. Vivere e lasciar vivere - dove lo si può fare meglio che qui?

Attività locali

Seduti su una panchina nella piazza del mercato, in un caffè della zona pedonale, sotto ad un ombrellone nel parco o ad un tavolo delle trattorie locali: ognuno trova il suo posto preferito - o i suoi posti preferiti. In fondo, Oberstdorf ha molto da offrire. Dall'idillica panoramica del villaggio con le case di legno struttura, alle stalle per il bestiame ed i colorati giardini dei contadini nel curato parco termale.

L'oasi del parco termale

Mai caotica, ma anche mai noiosa: Oberstdorf è proprio giusta! Per le famiglie, gli ospiti delle terme, gli appassionati di cultura, i fan dello sport o per chi si vuole semplicemente riposare. Perché anche qui ognuno trova quello che cerca: tranquillità, allegra compagnia o un romantico posticino per due...
Ci si incontra per giocare a scacchi al parco, per ascoltare la musica dell'orchestra termale o per godersi un libro sotto i vecchi alberi.

Angeli ed asini

Avete voglia di escursioni? Allora, via con la bicicletta nella Rohrmoostal. La cappella in legno di Sant'Anna esternamente poco appariscente con i dipinti del sedicesimo secolo è unica nella Alpi bavaresi. Eccezionale è la rappresentazione del „primo tribunale“ con dettagli notevoli. Da vedere sono anche le cappelle di Loretto ai confini meridionali della località. Le sculture barocche e l'immagine miracolosa appassionano tutti gli amanti dell'arte. La cappella di Appach mostra resti di affreschi gotici, la cappella di San Giuseppe opere di maestri locali come il noto Palmesel del 1729.

Cascate ed idilli montani

Sia che siate a cavallo, in bicicletta o a piedi, la valle Oytal è facilmente raggiungibile e ne vale sempre la pena. Chi ha più tempo, dovrebbe assolutamente visitare la cascata di Stuibenfall! il villaggio di Gerstruben è interessante perché offre un'idea della vita di montagna: questa piccola comunità è completamente soggetta alla tutela dei beni monumentali. Una chiesetta, quattro case di contadini del XVII e XVIII secolo, la cucina di montagna e la segheria sono state amorevolmente restaurate. Ci sarebbe poi anche il Christlessee, la cappella di Jauchen oppure... Scopriteli voi: Oberstdorf è grande nei piccoli paradisi!
Impressionanti la cima del Trettach ed il Mädelegabel sovrastano Einödsbach, il comune più meridionale in Germania. Sbirciate pure attraverso la „porticina“ della chiesetta, vale una benedizione!